KOIKOI — green design



KOI KOI nasce dall'idea di portare nelle case cittadine il verde realizzato su misura.

Mini-mondi a portata di mano da contemplare, di cui prendersi cura, un esercizio di attenzione verso la pianta e noi stessi.

Progettiamo e costruiamo dal singolo oggetto ad installazioni complesse, per far interagire vegetazione e costruito, creando un elemento di sorpresa.

↓ scarica il catalogo pdf


dove

via Malaga 4, Milano- laboratorio (su appuntamento)
via Mecenate 88A - East market (mensile)
via Vigevano 18 - esposizione kokedama (presto in vendita)
via Vigevano 15 - rivendita terrari
via Washington 51 - rivendita


contatti

scrivi per avere maggiori informazioni, chiedere consigli o per parlarci del prossimo progetto. Puoi seguirci anche tramite instagram.


agenda

prossimi appuntamenti




eventi passati









.KOKEDAMA


    Sviluppatosi dalla cultura dei bonsai, il kokedama esalta in egual modo l’equilibrio e la bellezza insiti nella natura, trasmettendo un senso di serenità.


come trattare un kokedama:
 



ACQUA

 
Il muschio vivo va nebulizzato ogni giorno per mantenere la tipica colorazione verde. Immergere completamente la sfera in acqua ogni 5/10 giorni per qualche minuto.
Si consiglia l’utilizzo di acqua piovana o decalcarizzata a temperatura ambiente.





LUCE e ARIA

La posizione migliore è areata, quanto più luminosa possibile, ma senza luce solare diretta. Importante è conservare un buon grado di umidità senza eccedere.






CURA


Si può capire al tatto quando la sfera necessita di essere bagnata, se in buona salute mantiene la sua naturale morbidezza e peso. Potare per estetica o eccessiva crescita sia la pianta che il muschio vivo.






galleria︎


Mark
Mark







.TERRARIO


      Nati nel 1842 dal botanico inglese Nathaniel Bagshaw Ward, permisero lunghi trasporti e una vita prosperosa anche a piante inadatte al clima londinese.


come trattare un terrario:
 



ACQUA 

 
Pressochè autonomo, bisogna aggiungere acqua in poche occasioni. Quando è assente al mattino la tipica condensa sulle pareti interne dei terrari chiusi.
A seconda delle piante presenti per quanto riguarda quelli aperti.





LUCE e ARIA

Posizionare il terrario vicino a una finestra, ma senza raggi diretti che potrebbero bruciare le piante. Il vetro e la condensa ne amplificano la potenza.
Aprire il coperchio mezza giornata in caso di ristagni eccessivi.





CURA


Poco esigenti a livello di cura. Basta ruotare il vaso ogni tanto, per garantire alla pianta di ricevere luce e crescere uniformemente. Controllare che il tasso di umidità interno rimanga costante.
Utilizzare acqua priva di cloro.






galleria︎


Mark